hulk

L’ennesimo blog da non perdere

Se stamani vi siete alzati con quella rara sensazione di appagamento, un motivo c’è: è on line “La Versione di Giampy”. Che poi sarei io.

Un mese fa mi sono deciso a pubblicare il mio sito: giampierocito.it, nel quale raccolgo un po’ dei miei lavori di pubblicitario di provincia. Poi mi sono detto: “mavaffan…guru; che ti vuoi fare mancare un blog?”. Sì, perché il mondo della comunicazione è strapieno di gente che te la spiega. E qualcuno si fa anche pagare per farlo. Allora ho pensato che io non sono abbastanza alto, né abbastanza figo, né tanto meno indiano per fare il guru. Però sono uno che è caduto. E mi sono rialzato. E di gente come me, che magari è ancora a terra, ce n’è tanta.

Così ho messo da parte la presunzione, che mi farà fare quei due o trecento anni di Purgatorio, e ho deciso di farvi vedere entrambe le mie due facce. Quella del Dr Jekyll la trovate su giampierocito.it, dove pubblico  i lavori e i progetti che ho fatto e quelli che faró. Qui, invece, trovate Mr Hyde.

Di là c’è Smeagol, qui c’è Gollum. Di là c’è Bruce Banner, qui un pacifico Hulk. Di là c’è il mio ritratto, che non è quello di Dorian Grey, anche se invecchia eccome, ma è un’illustrazione di Benedetto Cristofani, uno dei talenti con i quali ho lavorato in questi anni. Sono di Benedetto anche le varie “versioni” di Giampy che vedrete prossimamente in questo blog. Perché, comunque, le due facce si somigliano. Eccome.

In questo blog vorrei parlare della mia visione della comunicazione, delle storie che secondo me vale la pena di raccontare, dei pensieri che mi attraversano le giornate e mai sulle strisce pedonali. Si parte con la versione “mimo”, perché negli ultimi due anni, fatti di bocconi amari a causa di un doloroso fallimento, mi sono trovato spesso senza parole. E io con le parole ci vivo. Chissà quali saranno le prossime versioni? Non lo so ancora neanche io. Ma una cosa la so: se avessi bisogno di un bravo dottore per la mia comunicazione chiamerei il Dottor Jackyll ma se dovessi passare come si deve alcune ore del mio tempo, quello della vita vera, vorrei stare con Mr Hyde.

Decidete voi, io vi aspetto qui.

O di là.

Che poi è la stessa cosa.

 

L’immagine di Hulk è del fotografo Sacha Goldberger, andate a vedere i suoi capolavori qui.

gogna

Giornalismo, pettegolezzo e pubblico ludibrio

Lo confesso, raramente compro un giornale di carta. Sono però un divoratore di articoli di giornale trovati in rete. Anche quello è giornalismo. Anzi, forse la maggiore possibilità di accedervi lo rende ancora più efficace di quello delle vecchie rotative.

C’è qualcosa che tuttavia, negli ultimi anni mi disturba. L’incapacità di alcuni giornalisti di distinguere tra giornalismo, pettegolezzo e pubblico ludibrio. Il giornalista, per me è quello che lancia o approfondisce notizie, meglio se lasciando passare la propria visione. Un mio antico docente, editorialista del Corriere della Sera, diceva: “L’unico giornalismo imparziale è la classifica del campionato, perché anche le previsioni del tempo possono essere manipolate”. E questo è quello che ti fa preferire una penna ad un’altra; una linea editoriale ad una opposta.

Poi c’è il pettegolezzo, che è della gente della strada e che è utile anche come forma di controllo sociale. “Sai, il tizio importuna le ragazze…la Tizia la dà a destra e manca…il Babbo di Caio non è il su’ babbo…”. Il pettegolezzo regola i rapporti e proprio per questo è necessario che il “becco” sia l’ultimo a saperlo. Per evitare che le corna finiscano in tragedia. Se il giornalismo diventa pettegolezzo si perde tutto questo e non si fa un servizio a nessuno.

Infine c’è il pubblico ludibrio, quella che nei tempi antichi era la gogna. Le gogne sono giustamente conservate nei musei della tortura. Perché è di tortura che si tratta.

Vedere un articolo dove, senza curarsi della portata, che con le ricondivisioni degli articoli sui social, ha assunto una forza pari a quella di un’onda che rovescia un transatlantico, mi fa pensare che ci sia una gran confusione tra giornalismo, pettegolezzo e pubblico ludibrio. Sputtanare una persona (specialmente se non famosa) su un giornale solo per il gusto di portare il vecchio pettegolezzo da bar sulla testata di un editore, è pubblico ludibrio. E’ tortura medievale. Chissà cosa ne pensano i miei amici giornalisti.

critiche

Critiche fondamentali

Tra tutte le critiche che mi sono arrivate durante il mio percorso di studi, decisamente le due più costruttive sono state quella della mia Maestra Elementare Margherita Serchi che mi disse: “Sai scrivere, però devi lavorare di più sul vocabolario”. L’altra fu quella di un docente universitario che mi annientò dicendo: “Lei ha difficoltà quando parla di fronte ad una platea”. Battendomi molto i piedi nel sedere, ora posso dire che le due cose che mi riescono meglio sono giocare con le parole e parlare di fronte ad un pubblico.

Grazie a tutti e due.

L’immagine è tratta dal film Ratatouille di Brad Bird, 2007. Pixar.

tumblr_nt687sr3X01rauecro1_1280

Le principali differenze tra lo storytelling e il giornalismo secondo me (stimolato da Wired.it)

Alcuni mesi fa mi sono imbattuto in un editoriale del Direttore di Wired.it dal titolo “I danni dello storytelling (al giornalismo)” con il quale non mi trovavo affatto d’accordo. Avevo scritto una lista di quelle che secondo me sono le principali differenze tra i due ambiti. All’epoca non avevo un blog. Ve li ripropongo perché credo che siano ancora attuali.

1) Lo storytelling dovrebbe cercare le emozioni, il giornalismo dovrebbe cercare la verità.
2) Chi fa storytelling indaga sulle persone, chi fa giornalismo indaga sugli scenari.
3) Omero era cieco e raccontava storie, molti giornalisti cercano di raccontare fatti ma spesso non li vedono.
4) Dopo aver letto una storia raccontata da un bravo storyteller spesso ci si commuove, dopo aver letto un articolo di un pessimo giornalista spesso vorresti piangere
5) Lo storytelling non ha la pretesa di essere autorevole, il giornalismo sì.
6) Chi fa storytelling spesso è pagato poco, chi fa giornalismo anche.
7) Non esiste l’ordine degli storyteller.
8) I Fratelli Grimm, Fedro ed Esopo raccontavano di animali parlanti ma non ho mai sentito da loro delle baggianate come da Fede, Feltri o Belpietro.
9) Uno storyteller racconta che Maradona era il più grande calciatore del mondo, un giornalista racconta che Maradona non paga le tasse.
10) Tra andare a cena con Federico Buffa o con Luca Sofri, scelgo Buffa, non c’è storia.

disturbi

Disturbi alimentari di menti disturbate

Amico di facebook che condividi notizie infauste per togliermi l’appetito; i disturbi alimentari me li fai venire te!

La Mozzarella di Bufala è meglio di no? Mi disturbi!
Mi vuoi convincere che chi mangia solo verdure è più bravo di chi mangia un agnello? Mi disturbi!
Mi vuoi togliere le salcicce, il buristo e il rigatino? Mi disturbi!
La mucca è pazza? Mi disturbi!
La fiorentina mi uccide? Mi disturbi!
Mi dici che salmone c’ha il mercurio? Mi disturbi!
Il pollo c’ha gli ormoni? Mi disturbi!
Il vino bianco fa male? Mi disturbi!
Nella cioccolata c’è troppo burro di cacao, la pizza è bruciacchiata, lo zucchero è veleno? Mi disturbi!
Per favore, non voglio essere disturbato. Lo sono già di mio.
Prima o poi moriró. E anche te. Te lo giuro.

branduardi

Alla fiera del debito

Alla fiera del debito, per due soldi, il Signor Rossi comprò il pane…e non lo pagò.

E poi venne il fornaio che non aveva due soldi, comprò la farina e non la pagò.
E poi venne il mugnaio che non aveva due soldi, comprò il grano e non lo pagò.
E poi venne il contadino che non aveva due soldi, comprò il concime e non lo pagò.
E poi venne il concimaio che non aveva due soldi, comprò la cacca e non la pagò.

E l’angelo di Equitalia sul concimaio, e poi sul contadino, e poi sul mugnaio, e poi sul fornaio perché il Signor Rossi il pane non pagò.

Proseguire a piacere.

 

Liberamente tratta dalla canzone di Angelo Branduardi. Per ricordarsi a quale punto della fiera siamo e per non dimenticarci mai chi c’è prima e dopo di noi, alla fine della fiera.

Grazie e scusa ad Angelone.

piccione

Nemico degli animali

Sono senese, ed in quanto senese sono nemico degli animali. Si perché noi, a Siena gli animali li odiamo. Dicono che ce l’abbiamo con i cavalli ma non è vero…a noi gli animali fanno schifo tutti! Ogni senese ha avuto almeno un cane, ecco appunto, lo ha avuto! Per noi la carica dei 101 è un film dell’orrore. A noi piace la musica classica, “La morte del cigno” specialmente…Quando passano i carabinieri sulle gazzelle noi gli spariamo…alle gazzelle! Con il te’ mangiamo le lingue di gatto…e poi il gatto lo buttiamo via. Per pasqua non mangiamo gli agnelli, mangiamo le pecore (e gli agnelli li facciamo stare a guardare). Quando ordiniamo due bistecche di chianina ci assicuriamo che provengano da due animali diversi (da noi un bove è una bistecca sola). Un mio amico una volta mi disse che con il suo SUV aveva distrutto una panda, che tra l’altro aveva anche i cuccioli. Se un istrice ci tira una delle sue penne noi gli tiriamo un calamaio, un banco e una lavagna! A Siena siamo noi che pizzichiamo le zanzare; quando una zanzara passa da Siena si mette l’Autan. Le lucciole le schiacciamo con la macchina (anche se a volte qualcuno si ferma e chiede i prezzi). A Siena siamo noi che cachiamo sulle spalle dei piccioni! DA NOI LE IENE RIDENS PIANGONO! Perché siamo malvagi con gli animali! La cinta senese è un maiale che alleviamo costringendolo ad indossare una cintura di tritolo. E da dove pensate che sia partito l’asteroide che ha estinto i dinosauri?
Ma la cosa più bella per noi è il pranzo di Natale, solo bestie in via di estinzione: mousse di koala, pappardelle all’uccello del paradiso, tigre bianca del bengala in umido, orso polare rifatto e per dessert i pinguini gelati. Perché i pinguini gelati sono buonissimi, è quando gli metti lo stecco nel culo che si incazzano come lupi!

Ma veniamo ai cavalli, vabbè, partiamo dal presupposto che qui a Siena i comunisti non mangiano i bambini ma mangiano i puledri! E di comunisti ce ne sono tantissimi….Gli zoccoli al Dr Gibeaux glieli forniamo noi! L’etimologia di “barbaresco” è la fusione di “barbaro” e “manesco”. Perché lui la notte dorme nella stalla, ma state sicuri che il cavallo non dorme! E cosa dire del nerbo…siete mai stati presi a billate per tre giri di piazza?
C’è qualcuno che pensa che noi il cavallo che vince lo mangiamo, non è vero… quello che vince, verso maggio lo invitiamo alla cena dell’asta. E dove pensare che finisca l’asta? C’è qualcuno che ha paragonato il Palio alla Corrida. Ma non c’è paragone…Il Palio è una corsa dove ti mettono le protezioni della formula uno e non ti fanno fare neanche la sosta ai box mentre alla Corrida, al massimo ti fischiano, ti suonano le nacchere e se l’esibizione va male ti prende un pochino per il culo il Maestro Pregadio!

(G. CITO e R. RICCI – Mattaglia 2009)

Immagine: campagna della quale ho curato la direzione creativa e il copywriting. Foto di Bruno Bruchi. Art director Matteo Scheggi. Agenzia Milc. Anno 2011. Vedi gli altri miei lavori su www.giampierocito.it

Mipiacisti

Mipiacisti: quelli che ti mettono like

Siamo tutti diventati mipiacisti.

È l’urgenza che abbiamo di ricordare agli altri della nostra permanenza in vita. “Guarda che esisto ancora!”. Come se agli altri importasse qualcosa.

Su Facebook c’è il mipiacista deferente, che mette “mi piace” sempre e solo al datore di lavoro o a un immediato superiore; il mipiacista complulsivo, che ogni volta che entra nel tuo profilo mette “mi piace” a tutte le tue 3000 nuove pubblicazioni intasandoti con le relative notifiche;

il mipiacista che non volevi incontrare, quello che si insinua con “mi piace” e commento in un post che avevi scritto per tutti meno che per lui;

il mipiacista minaccioso, quello che quando mette “mi piace” è per dirti: “occhio, che ti sto osservando”;

il mipiacista stalker, che ti segue come un incubo, qualsiasi cosa tu scriva;

il mipiacista asincrono, che voleva mettere “mi piace” al post che scrivesti due giorni fa ma siccome non lo ritrova, mette “mi piace” al primo dei tuoi post che gli capita;

il mipiacista autocompiacente, che mette “mi piace” solo ai propri post;

il mipiacista menzognero, che se mette “mi piace” vuol dire che non gli piace;

il mipiacista insonne, che mette “mi piace” dalle tre di notte in poi.

Poi ci sono io, che quando su Facebook metto “mi piace”, semplicemente vuol dire che mi piace.

orgy

Sex and the Cito

La difficile evoluzione sessuale di chi è cresciuto con un padre ginecologo. E purtroppo è tutto vero!

Io a 4 anni:

“Babbo, me lo dici come mai i bambini li porta la cicogna?” “Figliolo, sarò breve…”
Dopo circa 48 ore di chiacchierata, a quattro anni e due giorni, sapevo tutto. Il bello è che nessuno dei miei amici mi avrebbe creduto…

Anni ’80, ora di pranzo: 
Squilla il telefono. Mio padre risponde: “Si pronto? Mi dica signora. Di che colore sono queste perdite? Bianche? Gialle? Verdi?”.
Ora sapete perché mi piace andare a cena fuori!

Fine anni ’80, una mattina a caso:
“Babbo, ho fatto gli sciacqui per la gola con il Tantum ma non aveva un buon sapore.”
“Di che colore era?”
“Rosa, no?”
“Vedi, figliolo….”

Inizio anni ’90:
“Babbo, ma quel sapone del bidet, sei sicuro che non sia andato a male? Frizza!!!”
“Ahaha, era un campione di Chilly!!! Fresco eh!!!!”

Anni ’90, ora di cena: 
Squilla il telefono, rispondo io.
“Cito?”
“Si!”
“Senta dottore, ho rapporti sessuali anche occasionali, vorrei togliere la spirale ma mio marito non è d’accordo! Mi raccomando, è una cosa un po’ delicata…”
“Ehem, sì signora…le passo il Babbo…”

Le gite delle scuole superiori:
Gita di 1a superiore: “Figliolo, questi sono dei profilattici. Sai tutto, vero?” “Si, babbo!”
Gita di 2a superiore: “Figliolo, questi sono dei profilattici…” “Lascia fare babbo, c’ho quelli dell’anno scorso”
Gita di 3a superiore: “Figliolo questi sono dei profilattici…” “Dopo quanto scadono?”
Gita di 4a superiore: “Figliolo…” “Babbo, i tuoi preservativi mi portano male! Non li voglio!”
Gita di 5a superiore: “Figliolo, questo è Maloox!”

Anno 2000:

Mattina presto di un doposbornia. Dopo poco sarei andato a vivere per conto mio. Sono solo. Dlin, dlon…La porta di casa. Vado ad aprire, ancora un po’ ebbro e di fronte a me una studentessa americana. Bellissima.
“Scusi, cercavo il Dottor Cito!”
“Ehem…Questo non è lo studio, è l’abitazione…ma sarei laureato anche io…”(Tratto da “Mattaglia. Il senso della vita.” Settembre 2011)

Illustrazione: Orgy – Personal work by Malika Favre

basquiat beef

Ricetta dello Spezzatino alla Giampy

Chiedete al vostro macellaio di fiducia 2,5 kg di spezzatino di vitello per 7 persone. Il segreto della ricetta è aprire il cartoccio e capire che con quella carne si sfama il Burquina Faso. Iniziate a fare il battuto per il soffritto con la mezzaluna (non con il Girmi, mi raccomando). Alla quarta cipolla iniziate a piangere pensando a tutti i giramenti di palle dell’anno appena trascorso. Ricordatevi che non si piange sul latte versato perché il latte non fa parte della ricetta. Soffriggete il battuto con molto olio extravergine di oliva che vi ha portato un vostro amico che ha un casolare vicino ad Asciano. Rosolate bene il vitello e anche il vostro pollice e indice di entrambe le mani. Il fuoco sotto il tegame deve essere basso, come il profilo da tenere sui social. Fate ritirare bene l’acqua della carne e aggiungete abbondante vino rosso, tanto quanto ne berreste in una serata alla Taverna del Capitano. Quando anche il vino è ritirato, mentre continuate a girare con pazienza, guardate il finale di Titanic, che avete iniziato a vedere all’inizio della cottura. Mentre Jack affonda versate polpa di pomodoro (non passata; mai la passata, sempre la polpa). Quando la parte grassa del sugo si separa dalla parte liquida, significa che va bene. Assaggiate per capire se lo spezzatino è sciocco come voi che vi arrovellate a pensare a come si stava meglio prima. Aggiungete peperoncino quanto basta a far risvegliare antiche pulsioni sessuali sopite. Riassaggiate lo spezzatino. Se è duro (lo spezzatino) aggiungete poco brodo. Fate ritirare e lasciate riposare. Soprattutto voi stessi.

Immagine: © The Estate of Jean-Michel Basquiat/ADAGP, Paris/ARS, New York 2014